Blog

I Segnali di Interesse nell’Uomo e nella Donna

I Segnali di Interesse

I Segnali di Interesse

Una volta avevo una cottarella per una mia collega della triennale, nulla di serio ma non avevo mai avuto il coraggio di farmi avanti poiché le sue reazioni mi spiazzavano: alcune volte sembrava interessata a me, altre invece risultava eccessivamente sotto tono nei miei confronti – tanto da pensare che non potesse mai vedermi sotto vesti differenti dalla semplice condivisione universitaria. Passarono i mesi e lei si fidanzò con un altro e, quando seppi che era attratta anche lei da me prima d’impegnarsi, mi morsicai la lingua tanto forte da poter diventare muto a vita. Se avessi saputo di più sul linguaggio del corpo mi sarei certamente reso conto di quelle sottigliezze che stavano ad indicare una potenziale relationship – a te è mai capitata qualcosa di simile? O magari stai vivendo una condizione dove non sai se l’uomo o la donna da cui se presa/o ricambi? Niente paura: qui è la Redazione Centro Clinico Eden, ed oggi voglio parlarti dei Segnali di Interesse nell’Uomo e nella Donna.

La letteratura è estremamente vasta riguardo il linguaggio corporeo, quale mezzo comunicativo non verbale in grado di tradirsi costantemente – e sarebbe un qualcosa di estremamente palese se solo i nostri occhi fossero maggiormente allenati. Devi sapere che nel momento in cui stai pensando No, ma dici Si, entra in gioco quella che può essere definita una “Interferenza Cognitiva”: nel 99% dei casi, verbalizziamo un sì, ma facciamo con la testa destra-sinistra! Questo perché i canali attenzionali non sono univoci, ma si regolano grazie a differenti modalità d’ingaggio (prova a bere con la mano sinistra mentre scrivi al pc con la destra, io l’ho testato in questo momento e stavo giusto per combinare un gran macello!).

Ma partiamo subito con ciò che andrebbe osservato in una controparte di cui si desidera saggiare la sua attrazione nei nostri confronti.

Number 1: I Capelli.

So cosa stai pensando. Centinaia di volte ti hanno detto che quando una donna gioca con i capelli allora significa che è interessata, fatto sta che ogni qual volta lo hai visto fare era un fraintendimento bello e buono! In verità hai quasi la piena certezza quando sia l’uomo che la donna non si martoriano i capelli come fossero antistress, bensì quando li portano verso la nuca – gli uomini – o dietro l’orecchio – le donne: da un punto di vista evolutivo questo è presto che spiegato, poiché il soggetto sta facendo saggiare alla controparte – con tale gesto – la mercanzia; è una forma di apertura non indifferente nel contesto del linguaggio corporeo, in quanto si mostra la fronte o la tempia quali parti solitamente occultate dal crine.

Number 2: I Piedi.

Questa non so se l’hai mai sentita, ma prova a ricordare l’ultima volta che sei stato a discutere in centro con altre due persone; solitamente non si crea mai un triangolo perfettamente equiparato, poiché due su tre saranno rivolti ad ascoltare quello che uno sta dicendo. I piedi tendono a puntare, sempre, verso ciò che ci interessa: una volta mi trovavo in biblioteca con un mio amico e questo stava sbobinando la lezione del professore al pc – in maniera totalmente innaturale e quasi esilarante, tuttavia, aveva tutto il busto ed i piedi rivolti verso un tavolo posizionato all’altro capo della sala; lì vi stava seduta una ragazza dai bei capelli rossi e gli occhi verdi (era impossibile non notarla!): solo più tardi seppi che era interessato a lei già da diverse settimane e, con fare romantico, mi raccontava di adocchiarla oramai tutti i giorni lì da quelle parti.

Number 3: Ti cerca sempre.

Bada bene, non sto parlando del cercare con lo sguardo – che risulta sempre estremamente fallace come giudizio di interesse. Quando andavo a scuola c’era una ragazza che spesso ricercava il mio sguardo: andavo al bar e mi guardava, la incrociavo per i corridoi e mi guardava – persino quando andavo al bagno me la ritrovavo lì in zona a guardarmi sia all’entrata che all’uscita. Un giorno mi avvicinai a dei miei amici e raccontai il fatto, spiegando che quasi certamente fosse interessata a me; loro scoppiarono in una fragorosa risata, dicendomi che quella ragazza aveva il soprannome di “Face” perché guardava sempre tutti in faccia.
Diciamo che, per quanto concerne le donne, lei tenterà sempre di testarti cercandoti anche per delle banalità – come chiederti cosa ha detto il prof. a lezione o aiutarla a capire qualcosa su un documento o un argomento di una materia (in verità l’avrà capita meglio di te, ma vuole esaminarti per vedere quanto sei predisposto nei suoi confronti e quanto sei potenzialmente responsivo nei suoi confronti). L’uomo invece, e fratelli di genere non me ne vogliano, è un po’ più sempliciotto al riguardo: talvolta si mostra particolarmente disponibile e, altre volte, fa delle battutine estremamente taglienti rivolte al bersaglio femminile di turno – insomma, un bonaccione!

Number 4: il Tatto.

Il toccare una spalla, un braccio, o semplicemente abbracciarsi, sono tutte delle modalità di contatto estremamente potenti: connettono due persone con una certa potenza tanto da farle sentire vicine – non importa se questo poi sia ben voluto o meno! Se la donna cerca spesso il contatto con la sua preda attraverso piccoli tocchi del braccio o della spalla (fate partire il jingle di superquark!), l’uomo risulta molto più bonario ed espansivo – e sia chiaro, stiamo parlando di soggetti non eccessivamente timidi, in quel caso ci fermiamo al numero 3! – dove avvolgerà spesso la donna con le sue braccia o la inviterà a ballare su una pista. Insomma non è troppo difficile, in effetti, capire quando un uomo è interessato a te!

Per finire, piccola chicca per i maschiacci: se volete saggiare l’interessa di una donna chiedetele di poggiare le sue mani sotto le vostre – se automaticamente ve le stringerà allora andate sul sicuro. E ragazze, non esagerate troppo con i test!

Felice C. Baldacchino

6 dicembre 2017 Articoli
About Felice Baldacchino

– Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche – Specializzando in Psicobiologia e Neuroscienze Cognitive. – Collaboratore sede di Parma.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *